01 cagliari 02 torino 03 biella 04 roma
4 biellesi nel Risorgimento: i fratelli La Marmora alessandro_lamarmora_1 alberto_lamarmora_1 carlo_em_lamarmora_1 alfonso_lamarmora_1






Home > Antenati dei personaggi

English (United Kingdom)
la marmora famiglia
Rivista on-line

canale_youtube

Gianstefano (1510-1555)
Dimensione font aumentare diminuire
Nasce a Biella nel 1510
Sposò nel 1528 Oriana, figlia di Pierluca Fieschi signore di Crevacuore

Consignore di Borriana e Beatino, il 24 dicembre 1528 divenne scudiere di Carlo III duca di Savoia, che affiancò durante l’invasione del Ducato dei Savoia dei francesi guidati da re Francesco I. Il cardinale Bonifacio Ferrero, fatto Legato Pontificio a Bologna, lo chiamò come capitano della guardia della Legazione.
Nel 1528 sposò Oriana, figlia di Pierluca Fieschi signore di Crevacuore: il matrimonio fu concordato per sedare le inimicizie che esistevano tra Pierluca Fieschi e i Ferrero parenti di Gianstefano, adottati da Lodovico Fieschi, cugino di Pierluca. Fu pattuito che, se i Ferrero avessero rotto la pace, avrebbero perso Masserano, frutto dell’adozione, e che se la pace fosse stata rotta da Pierluca, costui avrebbe perso Crevacuore. La pace non fu mantenuta e sia Masserano che Crevacuore finirono ai Ferrero.
Morì il 4 gennaio 1555.

Biografia trascritta e adattata dal testo originale: Pompeo Litta, “Storia delle famiglie celebri, voce sui Ferrero di Biella", Torino 1840.
 

Questo sito utilizza Cookie per erogare i propri servizi. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo.

Per informazioni si prega di consultare la nostra COOKIE POLICY

 

Copyright © 2017 Generazioni e Luoghi - Archivi Alberti La Marmora. Tutti i diritti riservati.